Magnetostrizione non Jouliana

Gli scienziati della UMD (University of Mariland) stanno studiando un nuovo tipo di magneti, realizzati con leghe di ferro e gallio o germanio o alluminio, che manifestano un comportamento anomalo durante la magnetostrizione:

i magneti convenzionali quando sono immersi in un campo magnetico modificano la loro forma ma non il loro volume (come quando allunghiamo un nastro di gomma che compensa l’aumento della lunghezza con una riduzione della sezione) questo fenomeno è chiamato magnetostrizione di Joule in onore del fisico James Prescott Joule che per primo studiò questo fenomeno. I magneti realizzati alla UMD quando vengono sottoposti ad un campo magnetico manifestano una significativa variazione del volume. Leggetevi tutto l’articolo su Nature.